37 paesi in crisi richiedono aiuti alimentari

Arrivano a 37 i paesi, 29 dei quali in Africa, che nell’ultimo anno hanno avuto bisogno di ricevere aiuti alimentari dall’estero. Anche se i raccolti di cereali mantengono elevate le riserve globali di cibo, le siccità prolungate, le inondazioni e i conflitti di lunga durata aumentano l’insicurezza alimentare. Così descrive le prospettive alimentari globali la nuova edizione del rapporto della FAO dedicato alla produzione di cereali. Sono proprio i conflitti in corso a costituire un fattore chiave della grave insicurezza alimentare: c’è infatti la guerra alla base  delle condizioni di carestia nel Nord della Nigeria, nel Sud Sudan e nello Yemen, oltre che in Afghanistan, Repubblica Centrafricana, Repubblica Democratica del Congo e Siria.

La violenza armata impedisce le attività produttive e ostacola sia l’accesso al cibo che la sua disponibilità. Le difficoltà sono aggravate nei paesi colpiti dalla fame dalla presenza di numeri significativi di sfollati interni, a cui va assicurata assistenza alimentare prolungata. Ad esempio, si stima che circa 7,7 milioni di persone siano in condizioni di grave insicurezza alimentare nella Repubblica Democratica del Congo, che ospita più di 200.000 rifugiati provenienti dai paesi vicini e ospita oltre 4 milioni di sfollati interni.

Per approfondire: fao.org

Foto @Oxfam/Intermon

Banca

Conto corrente Banca Prossima intestato ad AGENZIA ITALIANA PER LA RISPOSTA ALLE EMERGENZE – AGIRE ONLUS. Via Paraguay 5, – 00198 Roma.

IBAN: IT15 W 03359 01600 100000016224
Causale: AGIRE Prima
Dall’estero- codice BIC/SWIFT: BCITITMX

Posta

Con bollettino postale sul conto corrente
n. 85593614

Oppure con bonifico postale su IBAN
IT 79  U 07601 03200 000085593614 

 

Conto intestato ad AGIRE ONLUS 1
Via Paraguay 5 – 00198 Roma.
Causale: AGIRE PRIMA

Numero verde

agire-numero-verde

per donazioni telefoniche con carta di credito, la chiamata è gratuita.

X