“Senza acqua gli animali continuavano a morire”, possiamo fare molto insieme – Kenya

“Amref ci ha costruito una diga e finalmente abbiamo acqua pulita. Ora non moriamo più di sete”.

Questa è la storia di John Ole Lampa, che vive nell’area di Kajiado, in Kenya, una zona colpita da ricorrenti ondate di siccità che causano la perdita dei raccolti e la morte del bestiame e costringono gli abitanti dei villaggi ad abbandonare tutto e migrare in cerca di acqua e cibo. 23 delle 47 contee del Kenia  -tradizionalmente abitate da pastori e agricoltori – sono ormai del tutto aride. L’assenza di pioggia ha prosciugato il terreno e portato 2,7 milioni di persone alla fame.

“Senza acqua – dice John Ole – gli animali continuavano a morire e nei campi non cresceva più niente, non avevamo più nulla da vendere e perciò non sapevamo cosa mangiare, come dissetare i nostri bambini, lavarci o tenere pulite le nostre case. Ogni giorno le donne dovevano camminare per ore per prendere l’acqua e passare molto tempo fuori casa. Poi Amref ha costruito due dighe nella nostra area e tutto è cambiato: ora abbiamo acqua pulita sia per noi che per gli animali e la pulizia generale è aumentata, limitando la diffusione delle malattie.”

Tra il 2014 e il 2016 Amref ha costruito due dighe nell’area in cui vive John Ole e questo ha migliorato le condizioni di vita di moltissime persone. Malnutrizione, epidemie di tifo e scarsità di cibo, però, rendono ancora la situazione molto critica. Si è finora riusciti a dissetare persone e animali, ma la coltura dei campi è ancora molto indietro e la carestia continua a colpire interi villaggi. Attualmente in quest’area del Kenya 85.000 persone sono gravemente e acutamente malnutrite.

Amref si occupa di migliorare l’accesso all’acqua pulita costruendo dighe e pozzi e sensibilizza la popolazione all’uso di adeguate pratiche igieniche per prevenire la diffusione di malattie. Nei casi più gravi Amref distribuisce anche integratori alimentari e cibo, specialmente ai bambini malnutriti e alle donne in gravidanza o allattamento. Ma c’è bisogno anche del tuo aiuto.

Perchè morire di fame nel terzo millennio è una vergogna per l’umanità intera. DONA ORA

 

Senza cibo.
Senza acqua.
Senza forza.
MA NON
SENZA DI TE.
Condividere è il primo modo di AGIRE.

Condividi
Banca

Conto corrente Banca Prossima intestato ad AGENZIA ITALIANA PER LA RISPOSTA ALLE EMERGENZE – AGIRE ONLUS. Via Paraguay 5, – 00198 Roma.

IBAN: IT15 W 03359 01600 100000016224
Causale: AGIRE Prima
Dall’estero- codice BIC/SWIFT: BCITITMX

Posta

Con bollettino postale sul conto corrente
n. 85593614

Oppure con bonifico postale su IBAN
IT 79  U 07601 03200 000085593614 

 

Conto intestato ad AGIRE ONLUS 1
Via Paraguay 5 – 00198 Roma.
Causale: AGIRE PRIMA

Numero verde

agire-numero-verde

per donazioni telefoniche con carta di credito, la chiamata è gratuita.

X