I gruppi WhatsApp che salvano la vita

Non solo gruppi di genitori per cui spesso il massimo problema discusso riguarda la mancata carta igienica nelle strutture scolastiche, WhatsApp a volte può veramente cambiare la vita.
Ed in Somalia sta accadendo proprio ora.

Per far fronte alla drammatica crisi umanitaria che sta colpendo il paese, la tecnologia offerta da WhatsApp e la cultura tribale locale si sono fuse in una macchina di assistenza per tutelare le famiglie più povere e far sì che nessuno sia dimenticato.

Jamal Abdi Sarman mostra ad un giornalista del The Guardian il gruppo WhatsApp nel suo cellulare:

“E’ la prima volta che accade. E’ perché ormai siamo disperati. Questo è il gruppo composto dai membri del mio clan. Ognuno di noi pubblica la sua cifra di donazione a favore di una famiglia specifica o persona.”

Come funziona?

Ogni famiglia vive con circa 60$ al mese. In base a questo calcolo ogni membro del gruppo dice quanto denaro può mettere a disposizione per andare a coprire le spese di un’altra famiglia. Dopodiché i soldi vengono depositati in un conto bancario qui Dahabshiil, the international funds transfer company, un fondo di trasferimento creato nel 1970 da un imprenditore somalo, e viene richiesto di postare sul gruppo una foto per certificare di aver depositato i soldi.

A questo punto un comitato di 5 persone (nel caso del clan di Jamal) preleva i soldi depositati e si occupa di acquistare i beni di prima necessità e portarli alla famiglia beneficiaria.
Generalmente si tratta di riso, latte in polvere e acqua potabile.

Cosa succede in Somalia?

Questo meccanismo virtuoso sta permettendo a molte famiglie di ricevere i beni essenziali per far fronte ad una crisi drammatica.  La mancata stagione delle piogge nel 2016 e le scarse previsioni per l’anno in corso, lasciano circa il 50% della popolazione in stato di grave insicurezza alimentare.

3.9 milioni di persone necessitano di assistenza alimentare quotidianamente. Di questi 363.000 sono bambini sotto i 5 anni di età.

Cesvi, Coopi, Oxfam, Sos Villaggi dei Bambini sono al lavoro a fianco della popolazione sfiancata dalla fame con interventi straordinari di distribuzione di cibo, acqua e assistenza sanitaria.

Anche tu puoi fare qualcosa, aiutaci ad AGIRE PRIMA

 

 

 

Banca

Conto corrente Banca Prossima intestato ad AGENZIA ITALIANA PER LA RISPOSTA ALLE EMERGENZE – AGIRE ONLUS. Via Paraguay 5, – 00198 Roma.

IBAN: IT15 W 03359 01600 100000016224
Causale: AGIRE Prima
Dall’estero- codice BIC/SWIFT: BCITITMX

Posta

Con bollettino postale sul conto corrente
n. 85593614

Oppure con bonifico postale su IBAN
IT 79  U 07601 03200 000085593614 

 

Conto intestato ad AGIRE ONLUS 1
Via Paraguay 5 – 00198 Roma.
Causale: AGIRE PRIMA

Numero verde

agire-numero-verde

per donazioni telefoniche con carta di credito, la chiamata è gratuita.

X

Con il tuo aiuto saremo sempre
pronti a intervenire su qualsiasi emergenza.

CARTA
Bonifico
Online
Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di VeganFriendly!
Si è verificato un errore!

Scopri tutti i modi per donare

X