I segnali della Carestia erano chiari da tempo. Perché oggi circa 20 milioni di persone rischiano di morire?

Il 2017 potrebbe acquisire il triste primato dell’anno con il più alto tasso di mortalità per fame degli ultimi 30 anni. Risultato agghiacciante, non c’è che dire.

Foto Andreea Câmpeanu

La vita di oltre 20 milioni di persone è a rischio in 4 paesi. In alcune zone del Sud Sudan è già stato dichiarato lo stato di carestia. 5 anni dopo una carestia che ha ucciso circa 250.000 persone, la Somalia è nuovamente sull’orlo di una catastrofe umanitaria: 6 milioni di persone necessitano quotidianamente di assistenza alimentare. In Nigeria e Yemen, le  condizioni umanitarie e climatiche stanno portando la popolazione a condizioni di fame estrema.

Nonostante siano già in corso azioni per sostenere le popolazioni sfiancate e indebolite dalla fame, la comunità internazionale sta fallendo nella risposta a questa crisi su larga scala.

“Carestia” è un termine che definisce uno stadio di malnutrizione acuta combinato a scarse riserve alimentari. Ma spesso, quando i parametri tecnici vengono raggiunti, ci si trova già ad affrontare condizioni estreme soprattutto tra donne, bambini ed anziani.

Stiamo lentamente andando alla deriva. Secondo alcune stime, in Sud Sudan, Somalia, Yemen e Nigeria circa 1.4 milioni di bambini rischiano di morire. E questa stima è purtroppo destinata ad aumentare con la crescita di casi di diarrea, polmonite, colera e morbillo.

Attivarsi è necessario, indispensabile, imprescindibile. Morire di fame nel terzo millennio è una vergogna per l’umanità intera.

Foto Andreea Câmpeanu

Come si è arrivati a questa situazione? Guerre, siccità, governance deboli e un’inadeguata risposta internazionale sono le cause.

In Sud Sudan la carestia si sta verificando proprio nelle zone dove governo e forze ribelli hanno portato avanti scontri sanguinari. In Yemen, dove mezzo milione di bambini soffre di malnutrizione, conflitti interni e un embargo umanitario imposto dalla coalizione guidata dall’Arabia Saudita, stanno portando alla carestia. In Nigeria la lotta tra le forze governative e Boko Haram non permette di coprire i bisogni alimentari della popolazione.

In ognuno di questi casi,  guerra e violenze stanno distruggendo ogni mezzo di sostentamento e forzando i contadini ad abbandonare le terre.

Andreea Câmpeanu

Andreea Câmpeanu

Dopo l’esperienza della Carestia nel Corno d’Africa del 2011, avremmo dovuto impedire che tutto ciò si ripetesse.

Le Nazioni Unite oggi stimano circa a 5,6 miliardi di $ la cifra necessaria per rispondere alla crisi in atto. Ma l’impegno economico non basta. Serve anche un impegno politico che porti a condizioni di pace durature.

ActionAid, Amref, Cesvi, Coopi, Oxfam, SOS Villaggi dei Bambini, VIS sono presenti in tutte le aree di crisi al lavoro a fianco delle popolazioni colpite dalla carestia.

Tu puoi fare qualcosa, aiutaci ad AGIRE PRIMA

 

Banca

Conto corrente Banca Prossima intestato ad AGENZIA ITALIANA PER LA RISPOSTA ALLE EMERGENZE – AGIRE ONLUS. Via Paraguay 5, – 00198 Roma.

IBAN: IT15 W 03359 01600 100000016224
Causale: AGIRE Prima
Dall’estero- codice BIC/SWIFT: BCITITMX

Posta

Con bollettino postale sul conto corrente
n. 85593614

Oppure con bonifico postale su IBAN
IT 79  U 07601 03200 000085593614 

 

Conto intestato ad AGIRE ONLUS 1
Via Paraguay 5 – 00198 Roma.
Causale: AGIRE PRIMA

Numero verde

agire-numero-verde

per donazioni telefoniche con carta di credito, la chiamata è gratuita.

X

Con il tuo aiuto saremo sempre
pronti a intervenire su qualsiasi emergenza.

CARTA
Bonifico
Online
Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di VeganFriendly!
Si è verificato un errore!

Scopri tutti i modi per donare

X