Migrazione: stiamo scegliendo la linea dura

Migranti e migrazioni sono ancora al centro del dibattito europeo e italiano.
Lo scorso 3 febbraio a Malta si sono riuniti i leader europei per discutere nuovi accordi relativi ai flussi migratori irregolari. Il giorno prima, il nostro Primo Ministro, Paolo Gentiloni, ha firmato un accordo con la Libia per arginare i flussi provenienti da questo paese. Il 10 febbraio, sempre in Italia, il Ministro Minniti ha annunciato il piano su immigrazione e asilo, che potrebbe entrare in vigore già a fine mese.

Tre momenti importanti, contraddistinti da una linea comune: la gestione dei flussi migratori deve essere basata principalmente su sicurezza, controllo dei confini, rimpatri, respingimenti e quote di ingresso.

Ma di CHI stiamo parlando?

Salif, nato in Costa d’Avorio in una famiglia di contadini in fuga dalla guerra, è scappato 4 anni fa arrivando a piedi fino in Libia. Aveva 16 anni allora e il mare lo ha visto per la prima volta quando si è imbarcato per attraversare il Mediterraneo. Fino ad allora lo aveva immaginato come un grande fiume, al di là del quale avrebbe trovato la salvezza.

Nawal, 32 anni, è arrivata con i suoi due bambini dalla Siria. La sua casa è stata bombardata e il marito è morto sotto le macerie, stringendo tra le braccia il figlio di pochi mesi che cercava di proteggere.

Sono questi gli esseri umani da cui il nostro paese vuole proteggersi.  Molti altri, pur non avendo una guerra alle spalle, sfuggono da condizioni che non permettono nessun futuro.

Le Organizzazioni del Network sono impegnate per costruire un futuro nei paesi più fragili.
Come ad esempio in Ghana, dove i progetti del VIS stanno migliorando la produzione agricola e la sicurezza alimentare dei villaggi rurali. Guarda il servizio di Presa Diretta.

Sono questi gli esempi positivi di contrasto all’emigrazione che, contribuendo a creare condizioni di vita migliori, disincentivano le partenze. Le ONG lavorano incessantemente a questo tipo di “sostegno ai paesi di partenza” e non a quello recentemente ribadito dal Ministro degli Affari Esteri e della Cooperazione Internazionale Angelino Alfano, che ha stanziato 200 milioni di euro al Fondo per l’Africa con l’obiettivo di “rafforzare la frontiera esterna per evitare le partenze dei migranti irregolari”, avviando collaborazioni soprattutto con Libia, Tunisia e Niger.

mappa flussi migratori

The data for this map comes from the U.N. Population Division, more information on how it was calculated at the bottom of the post.

E’ una questione di scelte politiche

Politiche inadeguate, oltre che lesive dei diritti umani e del diritto internazionale alle quali ci opponiamo proponendo un modello diverso, di eguaglianza, aiuto e sostegno delle popolazioni in difficoltà.

Iscriviti alla nostra newsletter

GRAZIE!

La tua iscrizione è quasi terminata, solo un ultimo clic per confermarla, controlla la tua posta elettronica.

Banca

Conto corrente Banca Prossima intestato ad AGENZIA ITALIANA PER LA RISPOSTA ALLE EMERGENZE – AGIRE ONLUS. Via Paraguay 5, – 00198 Roma.

IBAN: IT15 W 03359 01600 100000016224
Causale: AGIRE Prima
Dall’estero- codice BIC/SWIFT: BCITITMX

Posta

Con bollettino postale sul conto corrente
n. 85593614

Oppure con bonifico postale su IBAN
IT 79  U 07601 03200 000085593614 

 

Conto intestato ad AGIRE ONLUS 1
Via Paraguay 5 – 00198 Roma.
Causale: AGIRE PRIMA

Numero verde

agire-numero-verde

per donazioni telefoniche con carta di credito, la chiamata è gratuita.

X

Con il tuo aiuto saremo sempre
pronti a intervenire su qualsiasi emergenza.

CARTA
Bonifico
Online
Questo campo è obbligatorio!
Inserire almeno %s caratteri!
Non inserire più di %s caratteri!
Inserisci una data valida!
Inserisci un numero di telefono valido!
Inserisci un CAP valido!
Inserisci un codice fiscale valido!
Inserisci una partita IVA valida!
Devi accettare la normativa sulla privacy!
Si è verificato un errore! Ricontrolla i campi.
Utilizza un Nickname valido!
Password non valida!
• almeno 1 carattere speciale (-_@#$%)
• almeno 1 numero
• almeno 1 carattere maiuscolo
• almeno 1 carattere minuscolo
• lunga almeno 6 caratteri
• più corta di 20 caratteri
Le due password inserite non coincidono!
Non valida!
Non valida!
Ok!
Controlla l'email!
Utente non attivato! Clicca nel link di conferma che ti è stato inviato via email!
Mmm... sicuro di quello che fai?
Sei già nella newsletter di VeganFriendly!
Si è verificato un errore!

Scopri tutti i modi per donare

X